La neve o le nevi

Quest’anno mi son fatto contagiare dalla moda delle racchette da neve o, come si usa dire ora, usando un termine dialetta, ciaspole. Ho qualche dubbio che sia proprio una moda perché sono due volte di fila che che trovo percorsi intonsi, al massimo qualche vecchia traccia antecedente l’ultima nevicata. Trovo stupendo camminare con l’impressione di essere il primo a percorrere quei sentieri, anche se so che non è così. Gli unici rumori che sento sono quelli che produco io e la neve che ogni tanto cade dagli alberi o scivola nel ruscello. Tutto intorno, il bianco sotto della neve ed il blu sopra del cielo.  Camminandoci sopra mi rendo conto che è facile dire neve ma che sono tante nevi diverse accomunate solo dal colore bianco e dall’essere costituire da acqua gelata con dell’aria in mezzo. In certi tratti si cammina senza affondare minimamente con solo le punte d’acciaio fanno presa, poco più avanti si trova una sottile crosta che si rompe sotto i miei passi e poi fra i rami degli alberi si affonda nonostante le racchette. Anche il rumore cambia, da un piccolo fruscio al crack della crosta ghiacciata fino a quel rumore sordo che produce quando la si schiaccia sotto le suole. Dopo un po’ imparo a prevedere cosa si presenterà sotto i miei piedi semplicemente osservandola ed adeguando il mio percorso di conseguenza ma non sempre ci azzecco… mai fidarsi troppo. Col tempo imparerò a distinguere le sfumature? Ci provo…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...