Cocktail

È nato un nuovo cocktail: la Sbìsolica con ghiaccio.

Vi sono dubbi sulla sua composizione: per chi volesse fornire la sua versione, i commenti saranno bene accetti.

Annunci

Sole, acqua e gente

Mi rendo conto che non ho mai scritto da queste parti dell’attività alla quale dedico più tempo, nominalmente lavoro escluso, praticamente… da valutare. Che bello vedere un sacco di persone impegnarsi per un obiettivo comune, organizzare le cose per mesi, discutere, proposte fattibili, altre meno. Cominiciare a correre un po’ quando il tempo inizia a scarseggiare ed abbandonare qualche attività non più realizzabile.

Tante sensazioni, mi rimarranno sicuramente molti ricordi. La soddisfazione di ricevere i complimenti per quanto fatto o semplicemente sentire che qualcuno si avvantaggia di quanto hai contribuito a realizzare. La curiosità per questo progetto in fondo un po’ pazzo ma che funziona lo stesso.

Qualche momento di sana follia iniziato in un momento di calma, troppa calma. Una rivolo d’acqua bollente per il sole che cola lungo la schiena, tentativi di “vendetta”, finire rotolando sul prato come dei ragazzini.

Sorridere complici dopo due brevi squilli. Ritagliarsi un attimo per comunicare con chi non c’è, attendendendo la buonanotte che giunge con lo sforzo per tenere ancora aperti gli occhietti qualche istante… Sentirsi in famiglia, facendo colazione sotto lo sguardo azzurro azzurro di una bimba sorridente che si ammira soddisfatta le manine appiccicose.

Un viaggetto nella notte cercando poi di capire se quel treno annunciato già mezz’ora prima sia quello che attendi.

Condividere le stesse sensazioni di stanchezza, soddisfazione, orgoglio.

Non lasciare più alcuna traccia fisica una volta smontato tutto. Solo più immagini, ricordi, sensazioni.

Grazie a tutti.

Tele(m)patia

Oggi forse è estate, al più domani. Ieri quindi è stato l'ultimo giorno di questa lunga, faticosa, primavera. Una primavera in cui alcune cose sono iniziate o meglio finite ancor prima di iniziare. Altre cose cominciate, quasi per celia, procedono, si trasformano in altro.

Chiacchiere e poco più, conoscersi, calembour, scherzi, scadenze che si avvicinano, stress, momenti di buonumore, confusione, lunghe notti che diventano brevi, fantasie, stanchezza. Sogni. Si verificano coincidenze che è difficile credere siano tali. Appuntamenti attesi. Sperimento le differenze fra forme di comunicazione sincrona ed asincrona. Qualcosa forse sta andando oltre quanto ci si aspettava, magari è quanto inconsciamente già si desiderava. Porsi l'imperativo di non voler distrarre troppo. Rivelazioni. La sensazione di esser considerato importante.

[…]lo scopriremo solo vivendo[…]

Mi preparo ad affrontare una lunga estate calda sperando in temporali clementi.

Banalità

Mi chiedo se sia banale cercare di sfuggire alla banalità. Essere originali a tutti i costi lo trovo un atteggiamento stupido, altezzoso, implica il ritenersi superiori agli altri.

La banalità è una cosa diversa, dipende dal modo di porsi di fronte al mondo: non è banale un tramonto? Lo possiamo vedere tutti i giorni. Una giornata di sole dopo la pioggia? Quante volte è già successo. Sentirsi spesso con una persona non diventa una banale routine?

Eppure, i tramonti sono tutti diversi… Il sole dopo la pioggia può comparire all'improvviso dopo un temporale, tornare un mattino dopo una settimana grigia… E una chiacchierata ti può sfogare qualche frustrazione, strapparti un sorriso, mettere un po' di malinconia, indurre qualche pensiero peregrino che chissà…